I raddrizzatori sono associati da molte persone alla maledizione di avviare l'auto al freddo, quando improvvisamente si scopre che la batteria è morta. La corretta manutenzione di un'auto a combustione presuppone che la batteria sia caricata almeno due volte all'anno: dopo l'inverno e dopo le vacanze. Ma come scegliere correttamente un caricatore elettrico?

compra in Rotopino.it
Radrizzatore 6/12V 8A 5-200Ah Yato YT-8301
GIACENZA
6 pz.
spedizione
consegna
5 giorni
54 IVA inclusa
Caricabatterie per veicoli 6/12V 5A Ferm Power BCM1021
GIACENZA
4 pz.
spedizione
consegna
5 giorni
44,40 IVA inclusa
Radrizzatore elettrico 12V 15A 6-200Ah Yato YT-8303
GIACENZA
3 pz.
spedizione
consegna
5 giorni
85 IVA inclusa
Radrizzatore 12V 12A 6-200Ah Yato YT-8302
GIACENZA
>10pz.
spedizione
consegna
11 giorni
82,49 IVA inclusa
Radrizzatore elettrico 12/24V 16A 240Ah Yato YT-8304
GIACENZA
>10pz.
spedizione
consegna
11 giorni
117,99 IVA inclusa
Radrizzatore elettrico 12/24V 25A 350Ah Yato YT-8305
GIACENZA
>10pz.
spedizione
consegna
11 giorni
139 IVA inclusa

Una delle parti fondamentali dell'auto è la batteria. Fornisce la corrente necessaria per avviare l'auto, ma non solo. Oggi, le nostre auto hanno sempre più comodità che richiedono energia, il che mette molto a dura prova la batteria. Se l'auto è in funzione, la batteria viene ricaricata durante la guida. Questo ciclo di scarica e ricarica può essere interrotto, per esempio quando l'alternatore si guasta.

 

La maggior parte dei proprietari di auto sa anche che le batterie non amano le basse temperature, quindi è durante le gelate invernali che si verifica la maggior parte dei guasti con l'alimentazione dell'auto. Tuttavia, vale la pena ricordare che anche il tempo caldo indebolisce la condizione della batteria, soprattutto se con una macchina funziona automaticamente aria condizionata.

 

La soluzione può essere un caricatore - è uno strumento di potere con il quale possiamo ricaricare la batteria. Non solo nelle automobili, ma anche nei furgoni, nelle moto e nei trattori agricoli. Basta collegare i morsetti alla batteria secondo le istruzioni, collegare il caricatore e avviarlo. Se ci sono dei passi aggiuntivi da fare, dipende dal modello che avete scelto. I caricatori automatici, per esempio, completeranno il processo di ricarica da soli.

Il punto di riferimento è sempre la batteria con cui il caricatore funzionerà. Il parametro di base a cui prestare attenzione è la corrente di carica effettiva. Non deve essere inferiore a 1/10 della capacità della batteria. Questo valore è cruciale per l'efficienza della carica. I produttori forniscono anche il valore di picco della corrente di carica, ma non è importante dal nostro punto di vista.

La tensione della batteria è il secondo elemento da prendere in considerazione. Per le auto, è 12V, mentre i camion e i macchinari di solito richiedono 24V. Se hai bisogno di entrambi, ci sono caricatori sul mercato con una scelta di tensioni.

Vale comunque la pena prestare attenzione alle possibilità aggiuntive. Per esempio, ci sono caricatori automatici che si spengono automaticamente quando la batteria è carica. Un'altra caratteristica interessante è la desolforazione. La rimozione dello zolfo prolunga la vita della batteria in modo da non doverla sostituire più tardi.

 

In situazioni critiche, sarà utile anche l'opzione di avviamento (boost), che consiste nell'applicare una forte corrente. Ma ricordatevi di rimuovere la causa del fallimento, la batteria è progettata per la ricarica con bassa corrente. L'amperometro e il voltmetro possono aiutare nella diagnosi delle condizioni della batteria. L'attrezzatura ci servirà più a lungo se ha anche l'opzione di avvio morbido della corrente di carica, che è anche amichevole per la batteria.

E quale caricatore è meglio scegliere? Tutto dipende dai nostri bisogni. Tuttavia, se vogliamo una soluzione che duri per anni, vale la pena guardare i modelli di marca con più caratteristiche. Le nostre esigenze possono cambiare nel tempo e tali attrezzature saranno al passo con questo e allo stesso tempo saranno durevoli.

Ci sono situazioni in cui la rianimazione della batteria è inefficace perché le cellule sono danneggiate. In questi casi, il caricatore non sarà più di alcun aiuto e sarà necessario acquistare una nuova batteria. Bisogna ricordare che il venditore è obbligato ad accettare la nostra vecchia batteria e consegnarla per lo smaltimento. Vale la pena di controllarlo, perché all'interno ci sono acidi forti e la loro fuoriuscita può essere pericolosa per la nostra salute e per l'ambiente.

Aggiungi commento
* Campi obbligatori